Assicurazione auto: domande e risposte

Rinnovo patente: come funziona?

Tra gli appuntamenti da non dimenticare c'è il rinnovo della patente, o meglio della autorizzazione alla guida, infatti in caso di guida con patente scaduta sono applicate sanzioni piuttosto pesanti. Di seguito si vedrà la procedura per il rinnovo della patente.

Rinnovo patente scaduta: funzionamento

La prima cosa da dire è che grazie al decreto legge 9 del 2012 tutti i documenti, tra cui la patente, scadono nel giorno del proprio compleanno, ciò dal primo rinnovo successivo alla scadenza indicata sul documento stesso. Di conseguenza se sulla patente era indicata come data di scadenza il 20 marzo 2013, la prima revisione deve essere fatta entro tale data, ma la successiva sarà nel giorno di nascita rispettando però il numero di anni previsto. La scadenza della patente dipende dalla tipologia e dall'età. In particolare per quanto riguarda la patente B, cioè quella dell'auto, dai 18 anni fino ai 50 anni il rinnovo deve avvenire ogni 10 anni. Nella fascia d'età compresa tra 50 e 70 anni di età la patente scade ogni 5 anni. Dai 70 anni fino ad 80 in poi il rinnovo deve essere eseguito ogni 3 anni, mentre dagli 80 anni in poi ogni 2 anni. Gli stessi tempi sono previsti per la patente A, cioè quella per i motocicli. Tempi più brevi sono previsti per la patente C e D, cioè di categorie superiori e da considerare professionali. Per rinnovare la patente occorre recarsi presso una scuola guida oppure presso una delegazione ACI, la Motorizzazione Civile o presso la Commissione istituita presso l'ASL competente per territorio. Qui saranno eseguiti degli esami per valutare se il richiedente è ancora in possesso dei requisiti per l'idoneità alla guida. In particolare i richiedenti vengono sottoposti alla verifica dell'abilità visiva e in particolare viene valutata la sensibilità al contrasto, la visione crepuscolare, la sensibilità all'abbagliamento e i tempi di recupero in seguito ad abbagliamento. Dopo aver superato questa prova viene rilasciato un certificato temporaneo che autorizza alla guida, mentre la copia della patente si riceve direttamente a casa nell'arco di qualche settimana.

Documenti per il rinnovo della patente

Per poter rinnovare la patente è necessario avere con sé dei documenti. In primo luogo è essenziale portare la vecchia patente, occorre inoltre un documento di riconoscimento come la carta d'identità o il passaporto e il codice fiscale, va bene anche la tessera sanitaria. Per poter rinnovare la patente è necessario anche avere con sé due fotografie, queste saranno impresse digitalmente sulla patente. Attualmente la foto viene riprodotta in formato bianco/nero. Nel caso in cui sia necessario, occorre portare anche le certificazioni mediche inerenti patologie che devono essere indicate sulla patente di guida. Su questa può essere disposta anche la guida con lenti e/o con lenti a contatto. Affinché la patente possa essere rinnovata è necessario portare con sé anche le ricevute dei versamenti effettuati, questi saranno in seguito elencati.

Rinnovo patente online: come funziona

Sempre più persone preferiscono oggi risparmiare il tempo generalmente speso per fare le file tra uffici e banca, proprio per questo è possibile oggi il rinnovo della patente online. Ciò è possibile attraverso il sito rinnovopatenti.it, lo stesso funziona attraverso 30 studi medici dislocati in diverse città d'Italia. Basta andare sul sito, inserire i propri dati, tra cui il numero della patente e le proprie generalità e la residenza. Sul sito sono quindi indicati gli studi disponibili ed è possibile prenotare la visita per il rinnovo della patente. Il costo della patente in questo caso è di 70 euro, somma che comprende anche la marca da bollo di 16 euro e il versamento postale. Tale somma può essere pagata attraverso il sito con carta di credito e quindi senza dover fare la fila e senza dover mostrare successivamente durante la visita le ricevute dei bollettini. A questo punto ci si reca nel luogo indicato durante la prenotazione. Tra i vantaggi vi è la possibilità di prenotare la visita anche nei giorni di sabato e di domenica, in questo modo diventa più agevole anche conciliare i tempi di lavoro e le esigenze della famiglia.

Quanto costa rinnovare la patente

Resta l'ultima curiosità da soddisfare ovvero quanto costa rinnovare la patente. A questo proposito si può parlare di costi fissi e costi variabili, o meglio che dipendono da diversi fattori. Tra i costi fissi ci sono:

  • marca da bollo da 16 euro;
  • diritti della motorizzazione pari a 10,20 euro;
  • costi di spedizione della patente con posta assicurata 6,80 euro.

A questi si aggiungono i costi della visita medica che sono variabili. Il costo della visita medica si divide in due parti, la prima parte è la vera e propria visita medica e ha un costo di 25 euro, la seconda parte sono i diritti sanitari e variano da regione a regione, in particolare oscillano tra 20 e 50 euro. Questi sono i costi da sostenere presso le ASL se si decide di rinnovare la patente presso la scuola guida o presso le sedi ACI i costi possono leggermente lievitare. In particolare i bollettini da versare sono identici, mentre il costo della visita medica può essere più elevato e inoltre rivolgendosi alla scuola guida e alla sede ACI è possibile che siano applicati degli oneri per il disbrigo delle pratiche. In questo caso vi è però il vantaggio di non dover eseguire autonomamente i pagamenti, infatti si versa il dovuto e questi si occupano di tutte le incombenze tra cui i versamenti.

 

Approfondimenti

 

Per ulteriori informazioni o chiarimenti puoi contattare il nostro servizio clienti al numero 02 55 55 111

Se questa risposta non è stata esauriente scrivi a servizioclienti@facile.it e segnalaci i tuoi commenti: aggiorneremo la risposta al più presto

Preventivo assicurazioni auto