Assicurazione auto: domande e risposte

Assicurazione kasko: cos'è e come funziona

La polizza Kasko viene considerata come un'assicurazione facoltativa, che può essere aggiunta al contratto assicurativo iniziale in perfetta autonomia da parte del guidatore. Una formula del genere consente al conducente di ottenere un risarcimento economico del danno subito, indipendentemente dalla responsabilità di un eventuale sinistro stradale. Scopriamo insieme tutto ciò che c'è da sapere sull'assicurazione Kasko, con la prospettiva di usufruire di un sistema che può garantire aiuti economici non da poco anche nel caso in cui un incidente sia stato causato da una manovra poco corretta o da una semplice distrazione.

Kasko: significato

Prima di conoscere i termini principali relativi alla polizza assicurativa Kasko, è necessario sapere quale sia il significato di un termine del genere, sempre più utilizzato da una quantità elevata di automobilisti.

Ad ogni modo, non è facile trovare sul Web un significato ben preciso di un simile termine, dato che le ipotesi sono tra le più disparate. C'è chi ritiene che un nome del genere sia stato scelto come forma riveduta e corretta del termine casco, chi invece pensa che si riferisca ad un nome proprio di persona che ha dato vita ad una simile formula assicurativa, chi ancora pensa ad un gergo automobilistico sconosciuto ai più.

Ciò che è certo è che l'assicurazione Kasko può garantire un valido aiuto a diverse categorie di automobilisti che hanno a che fare con situazioni stradali poco propizie e devono fare fronte a spese che, in alcuni casi, possono rivelarsi fin troppo ingenti.

Funzionamento e coperture assicurative

La polizza Kasko può funzionare in numerose circostanze per garantire ai propri utenti una copertura ben radicata. Come già accennato in precedenza, tale formula garantisce un risarcimento del danno senza dover tenere conto delle eventuali responsabilità derivanti da un sinistro stradale e risulta ideale soprattutto per chi è alla guida della propria vettura in maniera abbastanza frequente.

Chi possiede un'automobile dal valore commerciale elevato con conseguenti costi di manutenzione e riparazione elevati può prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi alla Kasko. Prima di procedere ad un passo del genere, è preferibile valutarne il rapporto tra costi e benefici, che determinano anche l'inserimento di clausole aggiuntive da stabilire in base ai rischi economici e pratici ai quali si va incontro.

Entrando nei particolari, l'assicurazione Kasko copre insieme di casi particolari nei quali sono state accertate le responsabilità del conducente che ne beneficia. In altre circostanze, invece, il diritto al rimborso decade. Tra queste, segnaliamo il mancato possesso di una patente valida, l'assunzione di sostanze stupefacenti o alcoliche, l'accertamento di danni dovuti ad animali e oggetti o per motivi dolosi, gli agenti atmosferici e gli atti vandalici.

È sufficiente usufruire di una polizza Kasko aggiuntiva con qualche spesa ulteriore in modo da ricevere la giusta copertura in seguito ad atti di vandalismo o condizioni climatiche poco positive. Non è prevista, invece, alcuna agevolazione per quanto riguarda il furto e incendio.

La polizza assicurativa Kasko può essere utilizzata anche in diversi varianti, tra le quali spicca la Mini-Kasko. Tale formula ha un prezzo inferiore rispetto alla Kasko vera e propria, ma garantisce un'ottima estensione della copertura. In tutti i casi, la franchigia garantita da questa polizza è pari al 10% e non può mai oltrepassare i 500 euro complessivi. L'assicurato deve pagare una parte dei danni, con un importo parziale a partire da 500 euro. Ad ogni modo, anche una spesa inferiore può portare alla fruizione del conseguente risarcimento economico.

Quanto costa la polizza Kasko

L'ultimo aspetto da tenere d'occhio quando si sceglie di attivare un'assicurazione Kasko riguarda il suo costo complessivo. Tale polizza ha un'entità economica che può dipendere da una lunga serie di elementi, tutti da considerare con la massima precisione possibile. Dalla tipologia di vettura utilizzata alla sua destinazione d'uso, senza dimenticare lo stato assicurativo di chi la guida, ogni fattore va curato nei minimi dettagli.

Inoltre, chi si affida a questo sistema assicurativo può usufruire di vari livelli di tutela. La polizza Kasko più costosa riguarda ovviamente i danni subiti dal veicolo. Sono inoltre disponibili le coperture denominate primo rischio assoluto, con la fruizione di un massimale, e primo rischio relativo, con tale parametro che dipende dal valore economico della vettura. Infine, non va lasciata in secondo piano la formula secondo rischio, collegata al valore della vettura e in grado di nascondere potenzialmente una franchigia molto ingente dal punto di vista economico.

Sul costo complessivo della polizza assicurativa Kasko, incide anche lo stato assicurativo del guidatore. I neopatentati e coloro che sono stati coinvolti in incidenti stradali di una certa gravità sono tenuti a pagare una somma di denaro maggiore per tale polizza assicurativa. Inoltre, una spesa di questo tipo dipende non poco anche dalla zona esatta di residenza, con la cifra che varia a seconda della quantità di incidenti che si verificano in un determinato territorio.

 

Approfondimenti

 

Per ulteriori informazioni o chiarimenti puoi contattare il nostro servizio clienti al numero 02 55 55 111

Se questa risposta non è stata esauriente scrivi a servizioclienti@facile.it e segnalaci i tuoi commenti: aggiorneremo la risposta al più presto

Preventivo assicurazioni auto