Assicurazione auto: domande e risposte

Assicurazione temporanea auto e moto: come funziona

L’assicurazione auto e moto in Italia è obbligatoria; si tratta di uno strumento che permette sia ai guidatori assicurati sia ai terzi di essere tutelati nel caso di incidenti. Tuttavia il premio relativo alla RC auto, in alcuni casi, può essere alto. Per tale motivo le compagnie assicurative hanno introdotto un nuovo prodotto: l’assicurazione temporanea. In questo articolo si scoprirà come funziona l’assicurazione temporanea auto e moto.

Tipologie di assicurazione temporanea

Le polizze assicurative temporanee RC auto e moto sono pensate per tutelare il cliente per determinati periodi di tempo; possono essere stipulate assicurazioni per un giorno, per un week-end, per una settimana, fino a periodi di 3 e 6 mesi. Le assicurazioni valide per un giorno sono ideali per chi utilizza l’auto soltanto per poche ore, per esempio per effettuare brevi spostamenti di uno o due giorni; basti pensare al caso di chi deve portare l’auto al centro raccolta per la demolizione del mezzo. Il consiglio è di leggere molto attentamente le condizioni assicurative perché in caso di superamento del periodo di copertura scattano penali rilevanti. Il cliente tuttavia deve decidere quali e quanti giorni desidera essere coperto da assicurazione. L’assicurazione temporanea RC auto e moto a 5 giorni prevede, in alcuni casi, la copertura anche all’estero, dove è in vigore la carta verde dell’Unione Europea. Per stipulare questa polizza servono: libretto di circolazione; codice fiscale; documento d’identità. Il costo ovviamente è superiore alla polizza a un giorno: in media si attesta intorno ai 100 euro. Solitamente utilizzano questo tipo di polizza quanti devono recarsi all’estero per vendere l’auto oppure le persone che devono guidare un’auto in prestito. Quando si sottoscrive la polizza bisogna comunicare alla compagnia, con un preavviso di 24 ore, i giorni di copertura con data di inizio e fine. Se si sottoscrive la polizza mensile è importante fare attenzione alle condizioni del contratto e alle relative clausole; bisogna verificare attentamente quali sono i limiti della polizza, le coperture e il costo del premio. C’è da sottolineare che la polizza mensile non equivale a un dodicesimo del contratto assicurativo che ha durata annuale; il premio sarà sicuramente superiore perché tra i vantaggi c’è quello di evitare il pagamento di una copertura annuale, soprattutto considerando l’utilizzo limitato nel tempo della vettura.

Le assicurazioni auto trimestrali e semestrali sono molto diffuse; tuttavia non bisogna confondere la polizza assicurativa trimestrale o semestrale con la polizza a pagamento trimestrale o semestrale. La prima copre un periodo di tempo di 3 o 6 mesi, la seconda copre il cliente per un anno ma permette di spezzare il pagamento in due o quattro rate. Le assicurazioni temporanee di 3 e 6 mesi possono essere vantaggiose rispetto a quelle annuali, ma è bene fare attenzione alle condizioni e alle regole di utilizzo; in taluni casi potrebbero rivelarsi anche poco convenienti. Sul mercato esistono alcune polizze temporanee che prevedono un premio solo leggermente inferiore rispetto a quello dovuto nel caso in cui la polizza sia annuale. In tale circostanza vale la pena considerare se non sia meglio pagare un premio lievemente superiore, sfruttando però una copertura temporale doppia; ovviamente la decisione dipende dal caso singolo e dalla situazione personale. Questo genere di polizze convengono agli automobilisti che utilizzano l’auto solo in periodi dell’anno circoscritti. In ogni caso è utile sapere che le polizze trimestrali e semestrali contemplano spesso un costo iniziale fisso per percentuale; il resto del premio viene differenziato sulla base dell’utilizzo dell’auto o della moto, ossia dei chilometri percorsi; il costo medio per chilometro è superiore rispetto a quello della polizza annuale.

Assicurazione temporanea auto e moto: come funziona

La polizza temporanea, come si è visto in precedenza, può avere durate differenti; può durare da un minimo di un giorno fino ai sei mesi. Tuttavia questo nuovo strumento non è previsto da tutte le compagnie assicurative, specialmente nel formato di pochi giorni. Il motivo è che il premio della polizza di pochi giorni ha un costo in proporzione molto più alto di quello previsto per un contratto annuale. Dunque si tratta di un prodotto vantaggioso esclusivamente per i soggetti che davvero utilizzano l’auto in occasioni temporalmente limitate; tutti gli altri automobilisti non troveranno conveniente sottoscrivere questo tipo di polizza. Il consiglio in ogni caso, se si è interessati all’assicurazione temporanea, è di fare attenzione al contratto e soprattutto alla compagnia. Esistono infatti molti casi di truffe; poiché la polizza temporanea è proposta da un numero limitato di compagnie, sono stati riscontrati casi di intermediari non iscritti all’albo che propongono contratti senza alcuna, validità perché le compagnie non sono in grado di coprire economicamente i clienti in caso di sinistro stradale.

Come funziona la polizza assicurativa temporanea? Questo tipo di contratto, limitato nel tempo, funziona come una polizza annuale. In caso di incidente, il cliente assicurato che ha pagato il premio riceve la copertura assicurativa nel periodo di validità del contratto. La compagnia interviene coprendo i danni causati a terzi, ovviamente nei massimali stabiliti nel contratto e disciplinati dalla normativa in materia.

A chi conviene l'assicurazione temporanea

L’assicurazione temporanea conviene a quanti intendono risparmiare sull’assicurazione RC auto e moto, in quanto consapevoli del fatto che utilizzano il veicolo per un periodo di tempo limitato oppure per un numero di chilometri definito. Un esempio tipico di polizza temporanea è il contratto che il cliente sottoscrive per pochi giorni; basti pensare a quanti utilizzano l’automobile o la moto solo nei week-end, perché durante la settimana usano i mezzi pubblici. Un altro caso è quello dei clienti che per buona parte dell’anno vivono all’estero e tornano in Italia solo per il periodo estivo: in tal caso l’assicurazione trimestrale può essere una buona soluzione, perché permette loro di utilizzare il veicolo per tutta l'estate. Quello che è importante è sapere esattamente il periodo in cui l’auto verrà utilizzata: nel contratto bisogna indicare i giorni o i mesi durante i quali la copertura dovrà essere attivata. È importante essere dettagliati e precisi perché nel caso di utilizzo dell’auto al di fuori del periodo indicato, si andrebbe incontro a penali molto forti da parte della compagnia assicurativa.

Tra le polizze temporanee si può citare anche l’assicurazione a chilometro. Il premio viene stabilito in base ai chilometri percorsi; vengono indicate fasce di percorrenza entro cui ricadrà la fattispecie del cliente. Questo tipo di polizza conviene al cliente che percorre in media meno di cinquemila chilometri l’anno. L’assicurazione a chilometro si abbina obbligatoriamente all’installazione sull’auto di una scatola nera, che registra le informazioni relative all'utilizzo della vettura, e dunque sui chilometri effettivamente percorsi dal guidatore assicurato.

 

Approfondimenti

 

Per ulteriori informazioni o chiarimenti puoi contattare il nostro servizio clienti al numero 02 55 55 111

Se questa risposta non è stata esauriente scrivi a servizioclienti@facile.it e segnalaci i tuoi commenti: aggiorneremo la risposta al più presto

Preventivo assicurazioni auto